Bere come Bond

«James Bond, with two double bourbon inside him, sat in the final departure lounge of Miami Airport and thought about life and death». (Goldfinger, 1964)

La frase che ogni barman conosce. Associata indissolubilmente all’agente segreto piu famoso del moondo.
In assoluto il piu “charmant” , in continuo spostamento per ogni destinazione, ovviamente frequentatore di hotel di lusso e di bar altrettanto fantastici.
1shaken_not_stirred_james_bond.jpg__800x600_q85_crop
Tra libri e film, nella sua lunga storia, il nostro amico Bond (…James Bond) ne ha bevuti di cocktail, ma non solo. Diamo un occhiata:

VODKA MARTINI, dal film “Licenza di uccidere” del 1962. Qui per la prima volta il pubblico mondiale può sentire la celebre frase che dà il titolo a questo articolo.Non credo che sia necessario scrivere la ricetta…

MINT JULEP è la scelta per il film “Goldfinger” del 1964…menta e whisky addolciscono il sapore amaro dato dalla morte della bond girl di turno, morta ricoperta di oro

RUM COLLINS, nel 1965, “operazione tuono”. Alle Bahamas la scelta migliore cade ovviamente sul rum.Semplice e dissetante

IMG_20151023_164934

“Bollinger? Se è del ’69 significa che mi aspettavate…” questa la frase pronunciata da Roger Moore in “Moonraker, operazione spazio” del 1979 . L’amore per l’agente segreto nei confronti di questo champagne è noto da sempre,compare infatti nel 1956 nel libro “Diamonds are forever”. Malgrado questo Champagne appaia moltissime volte nella serie, pare che la Bollinger non abbia mai dovuto pagare per apparire.
Altri champagne che il nostro eroe ama sono: Taittinger Brut o Blanc de Blancs 1943, il Taittinger 1945 o il Veuve Cliquot.
Un altro grande classico è il Dom Pérignon del 1953, 1955 (Missione Goldfinger) e 1962.

La maison Bollinger da qualche anno ci delizia con edizioni speciali dedicate a 007.

bollinger-007-La-Grande-Annee-1999-4-550x415 002_for_007

1981, “solo per i tuoi occhi”. Qui la bellissima Carole Bouquet sorseggia un bicchiere di vin brulè, nei presi di una pista di pattinaggio su ghiaccio

Il bloody Mary compare invece nel film del 1983 “Mai dire mai”

Hale Berry e l’affascinante Pierce Brosnan sorseggiano Mojito nel 2002nella pellicola:”La morte può attendere”

Casino Royal del 2006, è in realtà tratto dal primo libro di Ian Fleming. Sul treno James sorseggia del vino francese, in particolare del Chateau Angélus. Qui compare anche il Vesper Martini, invenzione dello scrittore che nasce come variazione del martini. Non lo berrà mai piu: “tre parti di Gordon, una di vodka, mezza di Kina Lillet”, agitato con ghiaccio e servito con una scorza di limone.

Skyfall del 2012 vede l’entrata in scena della birra Heineken.In questo caso si tratta di una sponsorizzazione, ma la scelta, che potrebbe essere accettabile in collegamento ad un Daniel Craig meno “dandy” e piu “proletario” di altri Bond, ha fatto storcere il naso a molti fans.Business is business.
Divertente lo spot Heineken con Bond, con riferimenti e citazioni

Ovviamente i drinks sono molteplici e non sono citati tutti qui. Per chi fosse interessato la letteratura è veramente ampia. Mi sento di consigliare uno qualsiasi dei libri scritti da Edward Coffrini dell’Orto (spesso a quattro mani con Andrea Carlo Cappi).
Edward, amico ed esperto bondiano, è anche il presidente dello 007 Admiral club.

IMG_20151023_164739IMG_20151023_165008

A partire da “Skyfall” compare il macallan, nel bicchiere del nostro egente segreto. In “Spectre” lo troviamo sul tavolino del suo appartamento quando Moneypenny gli fa visita.

Un altro distillato, anch’esso non partner ufficiale, che compare in “Spectre” è il cognac Courvoisier, e precisamente quando Lucia Sciarra, di ritorno dal funerale del martito, prende un bicchiere di cristallo con, appunto del Courvoisier VSOP, ed esce in giardino, incontro al suo detino. Dopo che Bond colpisce i due sicari, si passa allo Champagne, sicuramente Bollinger  RD 2002.


 

Bond beve ancora Heineken in SPECTRE e di nuovo non si nota. In un’altra scena fantastica, Bond sorseggia la sua birra mentre sorveglia Madeleine Swann e interroga un topo.

Quando il topo scompare nella sua tana, Bond punta la sua birra sul pavimento per rivelare dove si trova una stanza nascosta.

Mentre era strano che non ci fosse la vodka ufficiale per il film del 50 ° anniversario, SPECTRE vide la Belvedere salire a bordo come uno degli sponsor.

Più tardi sul treno, Bond e Madeleine ordineranno   (Vodka ) dirty martini. Anche se non viene mostrata alcuna bottiglia, l’implicazione deve essere che i Martini sono fatti con Belvedere.

BARMEN DA FILM

shining

quali sono i barmen che piu vi  hanno colpito al cinema?

Sicuramente non sarete rimasti indifferenti al bartender dell’Overlook hotel…

Non si può evitare il “barman – poeta” Tom Cruise:

E possiamo dimenticare Adriano Celentano?

Grandissimo Charlie Chaplin

 

Grande film,e grandi dialoghi…(in inglese)

Ted and Barney Bartending (How I met your Mother)

e alla fine…i Simpson

[table id=2 /]

DA BERE CON GLI OCCHI

johnniewalker3-20140729031126858

La pubblicità, a volte, ci regala dei piccoli capolavori. Vediamo alcuni degli spot piu significativi, a volte dei veri cortometraggi con attori famosi ed ambientazioni da favola.

E’ questo il caso di JOHNNIE WALKER BLUE LABEL, che si fa rappresentare da due personaggi quali Giancarlo Giannini e Jude Law…

COINTREAU invece ci porta alla scoperta della nascita di alcuni cocktail, con l’aiuto dela fascinosissima Dita Von Teese..Qui di seguito si parla di Sidecar, ma in rete si possono trovare anche altre “puntate” che ci raccontano di Cosmopolitan o Margarita…

Perfetto ed indimenticabile lo spot MARTINI del 1993 con una spettacolare Charlize Theron

 

BELVEDERE vodka si affida al mito di James Bond per il suo spot:

Da un gin come HENDRICKS ci si aspetta qualcosa di decisamente “unusual”…ed in effetti questo è:

HAVANA CLUB ci svela il segreto del vero mojito…

…e se ne avete altri…segnalate!

Pescati nella rete

Navigando qua e là nel mare magnum di internet, può capitare di imbattersi in alcuni “gioiellini”. Vediamo alcuni video tra i piu belli…Se ne avete visto qualcuno di interesante, che non compare, non esitate a segnalarcelo, lo pubblicheremo volentieri. Ovviamente nessun riferimento alla qualità dei cocktail o dei bartender, o dei prodotti, in questa pagina…solo la bellezza dei video (del tutto soggettiva)

the Nightjar, London

True originals no.2: the Hummingbird

The Bruce Lee of Bartending – World’s Greatest Flair Bartender

The Bartender Hates You

Society of the Unusual Hendrick’s Gin