I found my….Order of merit in Portofino

I found my love in Portofino perché nei sogni credo ancor lo strano gioco del destino a Portofino m' ha preso il cuor...
Fred Buscaglione
Cantante

In tutto il mondo quando si parla di Italia non si pensa solo a pizza spaghetti e mandolino, si pensa, soprattutto, ad eleganza, cordialita’, fantasia e bravura in special modo nel campo della ristorazione.

 Il 21 ottobre per la prima edizione, nella piccola ma incantevole Portofino si sono incontrati cinque dei migliori barman che sono riusciti a rappresentare l’eccelenza italiana in tutto il mondo. Manifestazione organizzata dal veterano Danilo Bellucci, sempre attento e sensibile al buon bere e ad una ristorazione di elevata qualità. Ogni barman è stato affiancato da un altrettanto prestigioso sponsor e suo rappresentante, tutti prodotti che solo à nominarli fanno pensare alla alta qualità italiana. È così arriviamo dopo una passeggiata fra I sentieri di una esclusiva Portofino al “Faro lounge bar” una location piccola ma incredibilmente bella, che per l evento ospita grandi nomi di persone, di prodotti che colpiscono come il meraviglioso panorama che si può godere da questa location, un panorama che sorseggiando un buon drink diventa ancora più piacevole. Che inizi la premiazione ! con tanto di medaglia di riconoscimento.

 

La prima premiata è Mariantonietta Varamo

Dopo esperienze a Forte dei Marmi, all isola d’Elba, arriva la svolta che la fa essere oggi una dei protagonisti:  la prima ed unica donna nei 110 anni di storia del prestigioso del Dukes bar, di Londra dove ha portato una vera e propria Rivoluzione.

Mariantonietta accompagnata da uno sponsor che già nel nome racchoude tutta la sua qualità e la propria italianita’:”Malfy”  gin fatto con i famosi e succosi limoni di Amalfi oppure si trova anche nella versione con gli altrettanto famose arance di sicilia, classico con i profumi delle Coste Italiane ed infine rosa dato dal rabarbaro e pompelmo sempre della sicilia.

Luca Rapetti, arriva da Chiavari e comincia con un corsso di formazione Aibes, per poi entrarne a far parte. Per ben due volte partecipa all’I.B.A. training center (in europa ed in Asia) ed entrambe le volte vince il premio di “Best student”. Il lavoro lo porta prima all’Excelsior palace di Rapallo, poia Firenze al Westin Excelsior. Ma l’Italia gli va stretta, nel 2014 decide di partire per Londra, dove presta la sua opera in strutture quali il Ritz, the Lanesborough, Brown’s hotel. Oggi lo troviamo a capo dell’Oscar London. La sua passione fa  si che collabori attivamente con Bar tales come “storico” del cocktail e del beverage

 

Segue Luca Coslovich,

il lavoro del barman lo ha accompagnato per tutta la sua vita, in un continuo crescendo. Da Cremona,  nello storico locale in piazza duomo, fino ad arrivare negli  hotel:  a Sanremo il Royal Hotel poi a Milano al Western Palace. Ma anche aperture di locali a Praga e Mosca per arrivare a Monte-Carlo iniziando con locali prestigiosi, passando per lo Yacht club ed infine  al Casinò 

Autore di tre volumi, I quali, ognuno si riferisce ad una particolare qualità del mondo del buon bere, nonchè webmaster di questo blog

Così come il nome di Luca Coslovich è garanzia di qualità fantasia conosciuto in tutto il mondo, il suo sponsor non poteva essere da meno :Campari non ha bisogno di presentazione. Ad rappresentare campari da più di 20 anni Patrizia Beretta che ha il sangue rosso campari. Una persona frizzante come lo spritz, gentile e Fresca come lo spirito italiano del gin Ondina.Da

 

IMG_20181023_123211

E’ il momento di Maurizio di Maggio (no, non il dj di radio Montecarlo) anche a lui il mestiere scorre nelle vene: figlio d’arte, apprende dal  padre  le regole basilari e poi intraprende il suo volo.

Segue l’avvio di due strutture a porto cervo, tra cui Zamora lounge,  poi numerosi locali in Svizzera dove apre la sua società di servizi e consulenze. Ora vive e lavora a Lugano

 

Suo sponsor un altro prodotto conosciuto ed aprezzato in tutto il mondo la Grey goose vodka che da sola o miscelata riesce ad ottenere più di 50 sfumature di gusto ognuna e salta il piacere.

IL quarto premiato è Michele Fiordoliva

Un viaggiatore del mondo. Accompagnato sempre dalla sua professionalita di Barman. Ha vissuto e lavorato a Londra Amsterdam, Caraibi Costa Smeralda per poi approdare a Monaco di Baviera con tutta la sua professionalita ed italianita’. Qui apre il suo locale il Negroni Bar continuando à vincere diverse competizioni.

Ad accompagnarlo c’è The Barmaster gin, sapiete miscela di botanical italiani, ideato dal “gustosofo” Michele di Carlo (che insieme a Danilo Bellucci ha ideato e realizzato il progetto “Order of merit”) e prodotto da un nome che ha fatto strada in tutto il mondo: Maschio

Ultimo premiato, ma solo in ordine cronologico è Danilo Ponzone

La sua passione gli viene trasmesso dal nonno che possiede a un bar a New York. È seguendo le orme di famiglia riesce a lavorare nei locali e negli hotel più prestigiosi dell mondo, dal Venezuela a Madrid fino ad arrivare a Cambridge nel locale più in voga di tutta la città, l’Hidden roms. Dove diventa Head bartender, gestendo un team di 12persone.

Collabora con chef stellati e dopo 12 anni in giro per il mondo ora gestisce a Capri il Tiberio Palace.

Suo sponsor un nome che fa la tradizione del vermouth italiano ed è Carlo Alberto di torino che presenta il suo bitter Rouge moderno per la flessibilita’ di utilizzo e di combinazioni senza dimenticare quel Tocco di tradizione e soprattutto di qualità che contraddistingue la casa di produzione Carlo Alberto

Alla sera tornati all’ Excelsior Palace di rapallo, hotel a 5 Stelle Lusso come i nostri barman, prima della cena viene offerto un aperitivoa basé di cavale Calvisius caviale italiano di alta qualità dove ogni singola uova è un esplosione di gusto.

Per conferma e dato che I bambini non mentono lo ha assaggiato per la prima volta nella sua vita, una bimba di otto anni e la sua espressione è stata di assoluta felicità

In accompagnamento la già citata vodka grey goose e lo champagne Deutz. Ebbene si, abbiamo passato momenti peggiori nella nostra vita…

Oltre ai grandi sponsor la serata è passata in piacevolissima compagnia di amici vecchi e nuovi, come Rossella de Stefano (direttore di Bargiornale), Patrizia Beretta , di Campari, del past president aibes, Giorgio Fadda e di Andrea Casta e del suo bellissimo violino blu, che ci ha accompagnato , come sempre, con la sua bravura. Non ce ne vogliano gli inconsapevolmente dimenticati…

Ringraziamo ancora Danilo Bellucci e Michele di Carlo che con questa manifestazione, così unica ci hanno fatto ricordare che il vero Barman non è solo fatto di manovre acrobatiche di miscelazioni, di hipster con Barba e/o baffi e bretelle ma soprattutto di gentilezza, attenzione, precisione, eleganza, savoir faire ed infine umilta’, pazienza cultura e classe.

Autore: Stef La Vie

e tu, cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.