Louis XIII

“Brandy: Mistura composta di una parte di tuoni e fulmini, due parti di efferato assassinio, una di morte e dannazione, due di Satana distillato e due di imprecazioni. Tra parentesi è piuttosto buono.”
AMBROSE GWINNETT BIERCE

Non è il più caro in assoluto, pur non essendo esattamente a buon mercato. Ma sicuramente è uno dei più conosciuti e ricercati.

Avrete capito, parlando di Cognac, che mi sto riferendo al mitico Louis XIII, della maison Remy Martin.

Ho avuto la fortuna di servirne molti, nei miei anni dietro al banco, e purtroppo devo constatare che non sempre chi lo beve è in grado di riconoscere le finezze di questa acquavite.

Come dire che avere le possibilità non sempre ha anche il gusto.

Questo Cognac, nasce nel 1874, per celebrare i 150 anni dell’azienda, e viene prodotto utilizzando esclusivamente le uve provenienti dalla regione della Grande Champagne, il suo nome è un omaggio all’omonimo sovrano di Francia, il suo colore brillante, l’intenso profumo e il particolare gusto speziato sono il risultato di un blend di 1.200 differenti acquaviti, invecchiate dai 40 ai 100 anni in botti secolari di legno di quercia. Ciliegina sulla torta è la preziosa bottiglia che contiene questo nettare, di cristallo e numerata, perchè ognuna è unica, e con il caratteristico tappo a forma di giglio.

Al naso esprime un incredibile ventaglio olfattivo di frutta secca, datteri, uva passa, fichi e nocciole tostate, insieme a sensazioni di scorza candita e spezie dolci come cannella e anice stellato, oltre a sentori tostati di caffè, tabacco e cuoio. Incredibilmente, ogni volta che si mette il naso nel bicchiere, si avverte un nuovo profumo, di grande respiro ed ampiezza. La bocca è la perfetta conferma del naso, avvolgente e suadente, morbida e muscolosa, in una percezione di calore ben integrata da una grande struttura che non porta mai alla fine. Infinito come la la sua persistenza, immensa e ricca di ritorni fruttati, floreali e tostati.

Durante il regno di Luigi XIII, la famiglia Rémy Martin si insedio’ nella regione di Cognac. Centocinquanta anni dopo, i figli dei figli dei figli decidono di nominare il cognac di casa più prestigioso proprio come il Monarca del periodo in cui iniziò la grande Chance e ricchezza. Il cognac Louis XIII è ancora oggi uno dei migliori al mondo.

Fortunatamente, malgrado il costo decisamente alte, ho avuto la fortuna di assaggiarlo, in una degustazione verticale, nella splendida cornice del casino di Montecarlo.

Non so come sia il paradiso, ma questo si avvicina molto

http://www.visitesremymartin.com/en/

e tu, cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.