fbpx
  • Bartending,  Cocktails,  Locali e Barmen

    IL MARTINI PERFETTO

    Il Martini è sicuramente “Il Cocktail!” Abbiamo trovato questo articolo su Internet che ci sembrava interessante. Poteteleggere originale (in inglese, di Emma Cooke ) a questo indirizzo: https://www.buzzfeed.com/emmacooke24/shaken-not-stirred?utm_term=.glx2x6zxw#.deeaQAyQo Il Martini: Esiste un drink piu “affabile”? Io credo di no   Ma per un drink con solo due ingredienti, ci sono molti modi per farlo Shakerato o mescolato? Gin o vodka? Oliva o limone? Dirty o normale? Ci sono un sacco di variazionie opinioni diverse su questo Abbiamo chiesto a Jared Brown, mastro distillatore di Sipsmith gin, co-autore di “Shaken not styrred: una celebrazione del Martini”, esperto a tutto tondo di Martini,  i suoi suggerimenti: 1. Il classico Martini è fatto con il gin,…

  • Bartending,  Cocktails

    SHERED

    Bourbon (infuso con Lapsang suchong tea) Pesca Lime Bitter O redhead…perchè Lei è rossa. La dolcezza degli stati del sud (Stati Uniti ovviamente),legata all’affumicatura, non solo delle botti, come si usa fare da quelle parti,ma anche dell’esotico Lapsang Suchong tea. Lei non è americana, ma ha molto a che fare con le miscele di the, erbe ed infusi vari. La pesca, matura al punto giusto, profumata e gustosa. Come per il Bellini è preferibile quella bianca, che si trova d’estate. Non frullata, per carità! La pesca va “pressata” delicatamente con l’aiuto di un colino, in modo che non si riempia d’aria e che il colore della buccia vada a mischiarsi con quello della polpa. Il succo di lime serve ad equilibrare , perchè dolce va bene, ma nel giusto limite. E per finire il bitter. Io ho scelto il bitter rouge, che aprezzo per la varietà di profumi. Il punto di amaro che non guasta,anzi. E perchè un pò di rosso ce lo voglio mettere anche io, che diamine. E stasera lo gusteremo insieme… Ma non vi dico come e dove

  • Bartending,  Cocktails,  Eventi

    Metti una sera a cena…

    Location: Ristorante Mamai,via adige 9, Milano (http://www.mamaimilano.it). Una calda (molto calda) sera di luglio… Ma andiamo con ordine: in molti sanno della mie “comparsate” a vinitaly (su questo blog molti resoconti delle stesse), grazie alla creatività di Florence e dei suoi splendidi champagne targati Marguerite Guyot (http://champagnemargueriteguyot.com/), non tutti forse sanno, che nello stesso stand fanno la loro figura vari ristoratori, tutti di livello e tutti con proposte molto stuzzicanti, adatte ad accompagnare i diversi petali della Margherita. In occasione di una edizione di Vinitaly, è capitato che il food fosse affidato a Davide Viviani e Stefano Sardella, del ristorante Mamai, appunto. E’ successo poi, che i suddetti ragazzi (…

error: copyright@cybartender