fbpx
  • Cocktails

    French 75

    Strasse: Di che nazionalità siete? Rick: Ubriacone. Renault: Allora siete cittadino del mondo. Rick (Humphrey Bogart) Casablanca Cocktails da film Sono molte le storie che si raccontano sui cocktails, a volte vere e dimostrabili, a volte confuse dal tempo, altre ancora completamente false o con versioni contraddittorie. Ma è anche questo il fascino dei drink miscelati. Alcuni cocktail poi, entrano nell’immaginario collettivo grazie ad apparizioni nel mondo della celluloide. Un piccolo “cameo” l’ha avuto il FRENCH 75 in “Casablanca”, indiscusso capolavoro del 1942 con una coppia di attori non da poco: Humphrey Bogart e Ingrid Bergman. Il Rick’s Café Américain è il locale gestito da Humprey Bogart a Casablanca, appunto, durante la seconda…

  • Libri

    Speakeasy

    “Quando vendo liquore è contrabbando.Quando chi sta sopra di me lo serve su un vassoio d’argento in Lakeshore Drive è ospitalita” Al Capone I locali piu segreti al mondo Maurizio Maestrelli, con questo libro ci porta nell’affascinante mondo dei bar “segreti”, gli Speakeasy. Affascinante la storia, legata a doppio filo al proibizionismo americano, ed alla cinematografia che inevitabilmente riporta alla memoria film come “c’era una volta in America”, “the untachables” o “il padrino”. Ed è sulla memoria di questo tipo di emozioni e di estetica che probabilmente è rinata la moda degli Speakeasy, visto che il proibizionismo è finito da un pezzo, e qui non si è mai visto. Ingressi…

  • Cocktails

    Spritz: amore e odio

    Niente fa apparire una donna piu’ carina che tre cocktail dentro un uomo. (Leopold Fechtner) Lo Spritz parla tedesco Sembra esserci lo zampino dei soldati austriaci nella nascita del drink attualmente (probabilmente) piu bevuto nel mondo. La leggenda narra che a fine 700, inizio 800 , il veneto sotto il dominio asburgico, fosse ovviamente popolata da soldati austriaci, che trovando un pò troppo forti i vini locali, li facessero allungare con acqua gassata. Spritzen in tedesco significa “spruzzare” Quini tutto cominciò con del vino bianco (presumibilmente fermo), allugato con acqua gassata, che venne poi sostituita con il seltz ad inizio 900, con l’arrivo dei sifon del seltz Poi qualcuno ebbe…

  • Cocktails

    Galway’s Seabreeze

    “vado dal mio professore di matematica” Lionel Barrymore (andando al bar, dal suo barman preferito) Cocktail sul lago di Como Su queste pagine cerchiamo di dare spazio ai barmen meritevoli, che non sempre sono quelli che compaiono sulle pagine dei giornali od in testa ai post dei social.   Ci sono bartender (e sono tanti), che fanno il loro lavoro con passione, senza necessariamente cercare l’approvazione dell “comunita” dei colleghi. Alessandro Lucchini è un “veterano”. Fa parte di qella generazione che ha conosciuto bene la “gavetta”, che ha fatto tutti i passi giusti per poter camminare, prima di cominciare a correre. Ed i risultati (meritati) sono arrivati. Oggi lo troviamo…

  • Locali e Barmen

    10 cose che un barman deve avere

    ( non necessariamente in quest’ordine) 1. Attrezzatura: imprescindibile. Ovviamente la troviamo sul posto di lavoro, ma vuoi mettere la tua ‘valigetta’ professionale, con gli attrezzi scelti uno per uno, usati per le prove dei cocktail o per le ‘serate’ e le guest? Molto professionale e, diciamolo, molto figo, presentarsi con lo shaker dorato, o vintage e il barspoon lungo un metro e mezzo 2. Stile. Sarebbe bello che ognuno avesse il suo. Ci siamo (quasi) liberati dei Mixology hipster, si vedono ancora in giro bretelle e baffi impomatati, ma tutto sommato meglio di qualche anno fa. Quando ogni barman deciderà di mettere un po’ di sé stesso in quello che…

error: copyright@cybartender